L’atmosfera della Val di Non

Secondo una vecchia leggenda, il fenomeno del lago rosso di Tovel ebbe inizio al tempo della regina Tresenga. Nella piccola e ricca cittadina di Ragoli, quando l’ultimo re morì senza lasciare eredi maschi, la bella e intelligente Tresenga fece un solenne giuramento.  Per amore del suo popolo, rinunciò a qualsiasi legame matrimoniale pur di salvare il proprio regno e impedire che lo stesso potesse diventare proprietà di un sovrano straniero.

Ma nonostante questo, i giovani cadetti dei territori confinanti si accorsero presto della bellezza e della ricchezza di Tresenga. Colui che cocciutamente volle a tutti costi conquistare la regina fu Lavinio, l’arrogante re di Tuenno.

Ferma nel suo volere, la regina rifiutò per ben due volte il testardo Lavinio, ferendone il suo orgoglio e ben presto l’amore si tramutò in rabbia. Il re, desideroso di vendetta, radunò il suo esercito e marciò alla volta di Ragoli per raderla al suolo.

La regina e la sua gente, sfidarono i nemici e marciarono  fino al lago di Tovel, lì  trovarono l’esercito di Lavinio che in una sanguinosa battaglia ottenne la sua vendetta. E fu allora che il sangue della regina e quello di tutti i suoi sudditi si riversò nelle acque del lago e lo colorò di un macabro color vermiglio.

Da quel  giorno, una volta all’anno, in occasione dell’anniversario della feroce  battaglia, le acque del lago cominciarono a ricolorarsi di rosso.

Vista panoramica del Lago di TovelVista panoramica del Lago di Tovel

Conosciuto ancora oggi per la sua colorazione rossa in alcuni periodi dell’anno, fenomeno però svanito dal 1964, il lago, nel cuore del Parco Naturale dell’Adamello-Brenta, è un meraviglioso gioiello naturalistico circondato da fitti boschi ed incorniciato dalle imponenti cime delle Dolomiti. Originatosi per via di uno sbarramento da frana, venuta giù dal Monte Corno nel 1300, è caratterizzato dalle sue tonalità di colore blu e verde.

 

Particolare dettaglio della limpidezza delle acque del Lago di TovelParticolare dettaglio della limpidezza delle acque del Lago di Tovel

Le acque del Lago di Tovel nelle sue tonalità di colore blu e verdeLe acque del Lago di Tovel nelle sue tonalità di colore blu e verde

Il punto di partenza del percorso è Flavon, un piccolo comune nella bassa Val di Non a pochi chilometri da Cles. Il paesino si trova lungo un antico percorso romano di collegamento alla valle dell’Adige ed è stato feudo imperiale dei Flavon, dinastia estintasi nel 1400. La permanenza nel paese può regalare però momenti unici, come le prelibatezze mattutine fatte in casa dalle gentilissime donne che ci hanno accolto al Bed & Breakfast “Antica Residenza de Poda” e che ci hanno dato ottimi consigli sul percorso da fare o sugli imperdibili piatti tipici da gustare nella suggestiva atmosfera serale del “Ristorante Centrale” a pochi passi dal B&B.

Primo piano di un meleto della Val di NonPrimo piano di un meleto della Val di Non

Questa è l’atmosfera della straordinaria Val di Non, famosa in tutta Europa per la coltivazione delle mele Melinda che caratterizzano il territorio del fondovalle con la presenza di immense file di meleti. Attraversata da diversi corsi d’acqua, la valle si sviluppa lungo il fiume Noce e prosegue verso il Rio Novella, queste distese d’acqua nei millenni hanno scavato la terra dando vita ad un insieme di canyon, gole, cascate e burroni i quali le hanno permesso di  guadagnare la fama di “Valle dei Canyon”. Grazie alle vie ferrate presenti lungo tutto il percorso, è possibile apprezzare ciò che il lavorio del tempo ha prodotto nelle viscere della terra.

Vista imponente del retro di Castel Thun immerso nel magnifico paesaggio naturalisticoVista imponente del retro di Castel Thun immerso nel magnifico paesaggio naturalistico

Dalle bellezze naturalistiche a quelle della storia, il passo è breve. Basta varcare la soglia di uno dei numerosi castelli presenti nella valle. È qui che si trova Castel Thun, tra i più suggestivi e conosciuti in tutto il mondo. Collocato sopra il paese di Vigo di Ton, l’imponente struttura gode di una bellissima e favorevolissima posizione panoramica. Venne edificato nella metà del XIII secolo ed è uno tra i più interessanti e ben conservati esempi della tipica architettura castellana trentina.

Panoramica da Castel Thun sulla vallata con le Dolomiti che fanno da cornicePanoramica da Castel Thun sulla vallata con le Dolomiti che fanno da cornice

Il Castello fu la sede della potente famiglia dei Tono e la sua storia è legata a filo doppio a questa. Gli antichi feudatari vescovili passarono, nell’arco di otto secoli, dal totale anonimato delle origini a posizioni di primo piano nella scena politica del tempo. È un monumentale fabbricato civile-militare di stile gotico circondato da un complesso sistema di fortificazioni.

Ingresso principale del Santuario di San RomedioIngresso principale del Santuario di San Romedio

La nostra ultima tappa, ma non per importanza, è il Santuario di San Romedio. Situato nelle vicinanze di Sanzeno, il Santuario rappresenta uno dei più interessanti esempi di arte cristiana medievale del Trentino. Nato grazie alla figura dell’eremita Romedio di Thaur, venne costruito su una rupe calcarea alta oltre 70 metri. La cappella più antica dell’edificio risale all’XI secolo, successivamente sono state erette altre tre piccole chiese, due cappelle e sette edicole della Passione. San Romedio è ancora oggi un importante meta di pellegrinaggio, non solo per i fedeli, ma anche per tutti coloro che amano camminare attraverso i numerosi sentieri presenti nella valle.

Primo piano delle Dolomiti del BrentaPrimo piano delle Dolomiti del Brenta

Percorsi per tutti i gusti, quelli della Val di Non e del Trentino, facilmente godibili grazie alla guest card che permette di scoprire la natura, la storia e la cultura enogastronomica del territorio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...